Da dove viene il nome “Wise Donkey”?

Lo abbiamo scelto per almeno 3 ragioni.

  1. La prima è che abbiamo scelto l’asino -anzi, più correttamente, l’asinello- come nostro animale guida fin dal 2012, quando abbiamo fondato l’associazione di promozione sociale «Los Burritos» (con i suoi due marchi editoriali Asinelli Editori e WScuola Edizioni).
  2. La seconda ragione, solo in parte legata alla prima, ha a che vedere con il luogo in cui si trova il bistrot: i locali della Libreria degli Asinelli: dunque ci stava un asino che, saggiamente, ami la buona cucina tanto quanto le buone letture.
  3. La terza ragione deriva (nientemeno che) dal ‘magico mondo di Oz’. Il Wise Donkey, ovvero l’Asino Saggio, è infatti presente, come personaggio, in due opere di Lyman Frank Baum appartenenti al ciclo di Oz: A New Wonderland (The Magical Monarch of Mo) (1899/1903) e The Patchwork Girl of Oz (1913). Leggete sotto…

L’Asino Saggio è originario della Terra di Mo, un luogo stravagante e illogico (molto più di Oz!). Inizialmente è un asino normale (ammesso che esistano asini normali), la cui singolare saggezza deriva dal fatto che si nutre letteralmente di libri, assorbendone le conoscenze. Grazie a questo insolito talento diventa un prezioso consigliere del Re di Mo.

Un giorno, l’asino saggio cede alla curiosità e attraversa il “deadly desert”, il deserto mortale che dà accesso alla terra di Oz, un luogo misterioso, di cui raccontano le leggende. Durante la sua permanenza in questa terra sconosciuta, un incantesimo isola Oz dal resto del mondo. Intrappolato, l’asino saggio non si perde comunque d’animo: si trasferisce a vivere con il Gufo Folle (The Foolish Owl) e, in una sorta di déjà vu, diventa anche in questo caso consigliere di un Re.

Pur vantando una profonda saggezza, l’Asino fatica a comprendere il carattere eccentrico e buffo del suo coinquilino, il Gufo. Ma non è l’unico a mettere in discussione la logica del rapace: anche Scraps, che è protagonista di uno dei due lavori in cui l’asino saggio compare, «The Patchwork Girl of Oz», trova la razionalità del Gufo… piuttosto distorta.

L’asino saggio, dal canto suo, anche nella terra di Oz, rimane dotato delle proprie caratteristiche identitarie: non è privo di follia, è malinconico e soprattutto è amante delle buone letture.

E allora, aggiungiamo noi, qui al nostro piccolo Bistrot, è anche diventato un gourmet che vi invita all’esperienza di pasti sfiziosi e… saggiamente divertenti.